Lavoro ad intermittenza: nuove regole

Dal prossimo 3 luglio 2013 entreranno in vigore le nuove modalità di comunicazione della chiamata del lavoro intermittente.
Il decreto stabilisce che la comunicazione venga inviata tramite il modello telematico «UNI-Intermittente», che dovrà contenere i dati identificativi del lavoratore e del datore di lavoro, la data di inizio  e quella di fine della prestazione lavorativa a chiamata. Il modello lo si può trovare al seguente indirizzo: www.lavoro.gov.it

Il modello deve essere trasmesso esclusivamente secondo una delle seguenti modalità:
 


In via eccezionale, per le prestazioni che hanno inizio (ma non necessariamente si concludono) nelle 12 ore successive, anche tramite SMS al n° 3399942256. Per poter usare questo canale è necessario accreditarsi sul portale Cliclavoro e registrare il proprio numero di cellulare (N.B. senza registrazione, il messaggio non è valido!) per poi trasmettere il seguente testo: I [spazio] codice fiscale lavoratore (per la chiamata);  A [spazio] codice fiscale lavoratore (per l’annullamento).
 
Per i lavoratori dello spettacolo invece, la comunicazione è sostituita dalla richiesta ex art.10 D.Lgs.C.P.S. n. 708/47 (certificato di agibilità).

ATTENZIONE: la trasmissione effettuata con modalità' diverse  non  e'  valida  ai  fini  dell'obbligo. Solo in caso di malfunzionamento dei sistemi informatici, si potrà inviare la comunicazione al FAX   della locale Direzione territoriale  del  lavoro, conservando prova del motivo del malfunzionamento.

Il datore dovrà conservare con cura le ricevute della comunicazione, per documentare l'adempimento di legge.