Crisi e consumi: si riduce la spesa e cambia lo stile di vita

Durante la crisi dei consumi, la spesa degli italiani non si è solo ridotta, ma è cambiata. La complessiva contrazione dei consumi registrata in Italia tra il 2007 e il 2012 (-5,4%, circa 47 miliardi in meno) si è infatti accompagnata ad un cambiamento permanente dei comportamenti di spesa.

Una quota sempre maggiore dei consumi si è indirizzata verso le spese obbligate, dalle bollette a quelle per la casa, cresciute nel periodo di oltre 4,6 miliardi (+2,6%). Ma gli italiani hanno speso di più anche per la sanità, la comunicazione, la ricreazione e la cultura.

Calano invece le spese per istruzione, mobilità, vestiario e persino per i generi alimentari. In alcuni comparti si manifesta una variazione di spesa da diversi anni, e quindi verosimilmente un cambiamento nelle scelte del consumatore, dettato da trasformazioni culturali ma anche dal crollo del potere d’acquisto. In una fase recessiva per i consumi, l’aumento dell’IVA è stato un autogol anche per l’erario: dal varo del primo di incremento di aliquota dal 20 al 21% – nell’ottobre 2011 – il gettito dell’imposta è diminuito continuamente. Confrontando il periodo gennaio-ottobre 2011 con lo stesso del 2013, si registra una variazione negativa di 5.377 milioni di euro.

Guarda tutte le tabelle

Fonte: Confesercenti